Curiosità statistiche sulla popolazione

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Leggendo le statistiche sulla popolazione delle grandi città italiane ed europee, e sulla densità abitativa, se ne ricavano dei dati interessanti e per alcuni aspetti sorprendenti. Tali dati non hanno esclusiva rilevanza ai fini statistici ma possono condizionare in positivo o in negativo eventuali scelte sui luoghi dove abitare o più semplicemente sulle città da visitare. Alcuni preferiscono infatti le metropoli con molta vita, molto animante e dunque in linea di principio con molti abitanti (il che equivale spesso ad una maggiore scelta di luoghi per il divertimento, il ristoro ecc). Altri invece, forse stressati dalla vita cittadina, cercano rifugio in città più tranquille, magari ricche a livello culturale, molto organizzate, ma non troppo animate e caotiche.

Il comune di Roma, tanto per cominciare con la nostra capitale, conta poco più di 2.600.000 residenti con una densità di circa 2000 persone per km quadro. Confrontiamo questo dato con la seconda città italiana: Milano. Qui gli abitanti sono circa la metà ma la densità è superiore di bel 3 volte e mezzo (circa 7200 per km quadrato). Questo indica chiaramente un territorio molto meno esteso ma di gran lunga più affollato. Tuttavia, e forse questa è la prima sorpresa, non è Milano, fra le grandi città italiane, quella ad avere la densità di popolazione più significativa, bensì Napoli che con il suo milione di abitanti, ne conta quasi 8200 per km quadrato. Fra le altre città principali, emerge un altro dato significativo, vale a dire nessuna ha la densità minore di Roma (anche questo chi lo avrebbe detto?). A Roma d'altro canto è maggiore la densità di strutture ricettive in ogni genre: dagli alberghi tradizionali, ai B&B sino ai meno diffusi hotel a ore.

E in Europa come siamo messi? Istanbul è di gran lunga il comune con più abitanti (ne conta quasi 14 milioni e trecento con densità 2600 ab./kmq), ma anche Londra si difende bene con i suoi 8 milioni e 300 abitanti (5,2 ab./kmq). Tuttavia fra le principali città quella che conta la maggior densità di popolazione è Parigi che vanta la spaventosa cifra di 21500 ab./kmq (nulla a che vedere nemmeno con New York). Anche Barcellona ha in proposito un dato molto elevato (circa 17000 ab./kmq).

Le capitali nord europee si attestano su valori non molto alti sia per quanto riguarda la densità (Copenaghen e Stoccolma è la più importante con 5800 ab./kmq) sia per quanto riguarda il totale della popolazione (Stoccolma presenta il dati più alto con 877000 abitanti).

Discorso a parte infine, per Reykjavík, la capitale dell’Islanda, che presenta valori di gran lunga inferiori a quelli delle altre capitali europee con i suoi 120000 abitanti ed una densità di 430ab./kmq.

 

 


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Come difendersi dall'anatocismo bancario

by giorgia minozzi Email Condividi su Facebook:

Negli ultimi mesi si è parlato molto di anatocismo bancario, un fenomeno prima sconosciuto e saltato agli onori delle cronache grazie ad alcune inchieste trasmesse in televisione. L'anatocismo bancario è una grave irregolarità commessa dalle banche nei confronti dei suoi creditori. Nell'anatocismo, gli interessi vengono calcolati volta per volta sommando alla rata iniziale l'interesse maturato. Il risultato è che la rata su cui vengono applicati gli interessi aumenta in maniera progressiva, con una crescita smisurata dell'importo dovuto alla banca.

L'anatocismo bancario, a meno che non sia stato fatto oggetto del contratto con una clausola specifica, è illecito ed illegale. Il problema è che i clienti non sempre sono in grado di individuarlo e denunciarlo. Per fortuna, negli ultimi anni diverse società di consulenza si sono specializzate nel calcolo dell'usura bancaria, offrendo il proprio supporto alle aziende in diffcoltà e desiderose di recuperare i propri crediti.

Queste società, utilizzando specifici software di calcolo e grazie ovviamente alle proprie competenze, sono in grado di analizzare i documenti bancari evidenziando la presenza degli illeciti sopra citati. Se i dati confermano l'anatocismo bancario, l'azienda "vittima" può intentare una causa alla banca e recuperare il maltolto.

 

Perché tutti parlano di anatocismo?

Tutti parlano di anatocismo per una ragione molto semplice: in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, sapere di poter recuperare il proprio denaro, sottratto in modo illecito, ridà speranze a decine di imprenditori in difficoltà. A ciò si aggiunga che le banche, oggi, non godono di un'ottima reputazione presso l'opinione pubblica, e questo rappresenta forse un motivo in più per nutrire dei sospetti e procedere alle necessarie verifiche.

 

Ma c'è solo l'anatocismo?

La risposta è no, gli illeciti commessi dalle banche e che sconfinano nell'usura bancaria sono diversi. Si parte dall'anatocismo ma si arriva anche ad usura su leasing, sui mutui ipotecari o sui semplici conti corrente. Anche in questo caso, ci si può rivolgere a degli studi specializzati per le opportune verifiche.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

8 trucchi per correre correttamente

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Che la corsa e in generale tutte le attività aerobiche facciano bene alla nostra salute fisica e mentale è oramai risaputo. Tuttavia i benefici della corsa possono essere ulteriormente amplificati se di adottano alcuni accorgimenti e si  corre in modo corretto. Vediamo quindi alcuni suggerimenti per praticare la corsa nella giusta maniera e massimizzare quindi gli sforzi, ottenendo così risultati sperati in minor tempo

  1. Assecondare la corsa con il movimento delle braccia. Mentre si corre è preferibile muovere le braccia. Grazie al movimento delle braccia le gambe e le ginocchia potranno replicare queste movimento con uno sforzo minore.
  2. Limitare la corsa statica. Durante gli allenamenti è consigliabile utilizzare più stili di corsa: ad esempio si può alternare la camminata alla corsa lenta e poi quella veloce.
  3. Aumentare gradualmente la velocità. Dopo aver preso confidenza con il footing è consigliabile aumentare la velocità con gradualità. A tale fine si può definire un tabella con i tempi di percorrenza desiderati: l'obiettivo è di ridurre gradualmente i tempi.
  4. Monitorare i risultati. Se si vogliono ottenere dei risultati concreti non si può fare a meno di monitorare alcune variabili come: i tempi impiegati, la frequenza cardiaca e le distanze percorse. Sicuramente lo strumento di cui non si potrà fare a meno è il cardiofrequenzimentro; questo strumento dovrebbe essere sempre utilizzato durante la corsa ma anche per tutti gli altri sport aerobici.  Ovviamente correre sui tapisroulant piuttosto che all'aria aperta rende questo monitoraggio decisamente più semplice.
  5. Correre in compagnia. Allenarsi da soli può risultare ancora più faticoso mentre correre in compagnia è sicuramente un ottimo stimolo per allenarsi senza sentire la stanchezza.
  6. Usare calzature e abbigliamento adatto. Quando si corre le articolazioni inferiori e in particolar modo i piedi sono costantemente sottoposti a sollecitazioni. Per queste ragioni è importante utilizzare scarpe da corsa di qualità. Sui siti di ecommerce t è possibile acquistare scarpe da cosa per uomo e donna a prezzi stracciati.
  7. Bere molto. In particolare sono da preferire le bevande salutari.
  8. Rilassarsi dopo l'allenamento. È consigliabile una doccia a temperatura ambiente oppure fredda in modo tale da poter eliminare l'acido lattico.

 

 


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

VOIP: opportunità e limiti

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

VOIP: vantaggi e problemi Il voip è senza dubbio una tecnologia molto conveniente ed efficiente. In molti però si chiedono se questa nuova tecnologia sarà in grado di rivoluzionare il mondo della telefonia. Vediamo di seguito vantaggi e svantaggi derivanti dall'adozione di questa tecnologia

Vantaggi

la commutazione a pacchetto non necessita di un circuito dedicato e quindi c'è minore necessità di banda; portabilità dei numeri: il numero infatti non è più connesso fisicamente ad un apparecchio particolare; costi inferiore per chiamate in special modo su quelle internazionali. Bassi costi per cablaggio e infrastrutture: è sufficiente un solo tipo di cavo da utilizzare per i telefoni voip e pc.

Svantaggi

Se è vero che il voip garantisce una serie di vantaggi come quelli sopra descritti è altrettanto vero che bisogna considerare anche l'altra faccia della medaglia. In effetti ad ogni vantaggio corrisponde un aspetto negativo da prendere in esame quindi se di decide di affidarsi a questa tecnologia. Vediamo di seguito quali sono questi svantaggi. La commutazione dei dati a pacchetto può prevedere ritardi nell'esecuzione. C'è il rischio quindi che in alcune circostanze la voce non arrivi in tempo reale; spesso gli operatori garantiscono prezzi molto convenienti per le lunghe distanze ma non per le chiamate locali; il cablaggio può richiedere costi di manodopera. Inoltre anche se si usa un solo tipo di cavo ciò non significa che ne verrà utilizzato solo uno; il voip non consente di rintracciare la localizzazione geografica. Ad esempio nel caso delle chiamate di emergenza è difficile dirigere la telefonata alla centrale più vicina. Infine bisogna ricordare che sussistono problemi di sicurezza. I pacchetti di dati che viaggiano sulla rete infatti potrebbero essere intercettati


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Il web e le opportunità di marketing per gli studi professionali

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Finalmente anche gli studi professionali si sono affacciati nel mondo del web, in molti casi, però spinti più dalla necessità che da un vera e proprio strategia di business. Alcuni professionisti come ad esempio, commercialisti ed avvocati sono ancora scettici riguardo alle opportunità offerte dal web spesso perché considerate poco in linea con la loro attività. Insomma, il più delle volte, i professionisti decidono di dotarsi di un sito web solo perché oggi non si può non averlo: il risultato è che spesso i siti sono mal fatti e poco curati ed aggiornati. In realtà il sito web, se ben realizzato e posizionato, è uno strumento dalle grandi potenzialità in quanto può mettere facilmente in contatto clienti e professionisti. Oggigiorno, infatti, chiunque chiunque può , grazie alla rete trovare contatti, contenuti e informazioni utili; non bisogna dimenticare, poi, che i social media hanno completamente stravolto le modalità di interazione tra le persone consentendo a chiunque di condividere le proprie esperienze in tempo reale.

Naturalmente il mondo dei professionisti non dovrebbe fare meno di considerare queste innovazioni. Se è vero che, ancora oggi, i professionisti trovano i propri clienti grazie al passaparola è altrettanto vero che anche sul web si possano innescare gli stessi meccanismi della vita “reale”. Online infatti gli utenti cercano opinioni, recensioni sulle aziende, si scambiano consigli e suggerimenti, il tutto gratuitamente e direttamente dal proprio pc. Per questa ragione il sito web assume un ruolo fondamentale nella strategia di marketing del professionista e ancora più importante risulta essere la visibilità del sito sui motori di ricerca. Essere presenti, infatti, non è sufficiente, ma bisogna necessariamente essere visibili sui motori di ricerca!

Ma gli utenti come cercano i professionisti sul web? Fondamentalmente in due modi:

  • per area geografica e professione;

  • per problema.

Per quanto riguarda il primo modo ad esempio se una persona ha bisogno di un dentista per per togliere un carie cercherà probabilmente "dentista Roma Nomentana" oppure odontoiatra a Roma ecc.. Se consideriamo, invece, il secondo criterio egli cercherà probabilmente: “come togliere la carie” oppure “risolvere problemi ai denti” ecc..

 

Insomma, indipendentemente dal tipo di ricerca, in entrambi i casi l'utente troverà una lista di risultati nella serp di Google e probabilmente deciderà di approfondirne alcuni. Ovviamente il fatto che l'utente clicchi sul risultato non significa che necessariamente acquisterà il servizio; per questa ragione altrettanto importante, oltre alla visibilità su Google, è la qualità del sito e la capacità di saper rispondere alle esigenze del cliente/utente.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... 18 >>