Giovani e lavoro: strategie per entrare nel mondo del lavoro senza invecchiare!

by giorgia minozzi Email Condividi su Facebook:

In Italia la situazione occupazionale è critica e preoccupante, ed ha messo gli esperti in allarme come non accadeva dalla fine degli anni Settanta e l'inizio del decennio Ottanta. Più del 30% dei giovani in cerca di occupazione non trova lavoro, mentre aumentano i neet ("Not in Education, Employment or Training"), cioè coloro che non studiano e non cercano lavoro.

Nonostante questa situazione tragica, le aziende italiane cominciano a mostrare segnali di ripresa, che inducono a ben sperare in un rapido miglioramento. Secondo alcune ricerche, addirittura, non sarebbero le imprese a non voler assumere i giovani, ma i giovani a non essere in possesso delle competenze specifiche e tecniche più richieste. Ugualmente difficili da trovare sarebbero i laureati in possesso delle competenze di gestione di determinate aree di business (finanza, amministrazione, buste paga, internazionalizzazione etc.) nelle piccole e medie imprese, ovvero la parte più vitale dell'economia italiana.

La colpa di questa situazione può essere in parte attribuita alle Università italiane. Gli imprenditori lamentano infatti che il sistema universitario non sia in grado di formare i giovani in modo tale da consentirgli un accesso immediato al mondo del lavoro.

Il sistema scolastico italiano si compone di tre cicli: elementare, medio e superiore. In seguito, soltanto alcuni proseguono con l'università. Se sulla carta questo meccanismo sembra essere ottimale, nella pratica il sistema scolastico e universitario italiano difetta di un elemento indispensabile: la pratica. Mentre infatti all'estero la formazione teorica si accompagna ad esperienze lavorative concrete, in Italia questo non avviene. I neolaureati italiani, in generale, mancherebbero di abilità linguistiche adeguate, conoscenze informatiche aggiornate e soprattutto di una mentalità e di una cultura aziendali.

Più nel dettaglio, i neolaureati – stando al giudizio degli imprenditori italiani – sarebbero sprovvisti  di abilità di tipo tecnico-pratico.

Come si può rimediare a questa situazione? In attesa di una provvedimenti strutturali più profondi che vadano a incidere sul sistema universitario, si può ovviare per la formazione professionale. Ecco allora che un laureato in Economia, studente brillante che conosce perfettamente Ricardo e Keynes ma che non sa gestire un bilancio aziendale, può completare il proprio profilo con un master mirato e altamente professionalizzante: un Master in Finanza, oppure un  Master in Controllo di Gestione e così via. Ed ecco ancora che un neolaureato in Giurisprudenza,  in attesa di poter esercitare la professione, potrà cominciare a dare consulenze alle aziende con un Master per Giurista d'impresa o consulente legale.

La sfida di formare alle professioni i giovani laureati è stata raccolta – prima ancora che dalle università – dalle Business School che erogano master e corsi di formazioni. È intento di queste scuole, infatti, dare agli allievi tutte le competenze necessarie ad accedere velocemente e con successo al mondo del lavoro, facendosi promotrici della cultura d'impresa che per ora manca alle Università.

 


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Come realizzare campagne pay-per-click di successo

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

 

Le campagne Pay-per click rappresentano uno dei principali strumenti per ottenere visibilità online e nello specifico sui motori di ricerca. Si tratta di un sistema di pubblicazione di annunci che compaiono sulle pagine dei risultati di Google (ma anche di altri motori di ricerca) e nelle pagine dei publisher in base alle parole chiave utilizzate dall'utente. L'aspetto interessante di questa forma di pubblicità online è che, come si intuisce dal nome stesso, l'inserzionista paga solo quando l'utente clicca sull'annuncio. Se è vero che la piattaforma di Google è al momento la più diffusa ed utilizzata  esistono comunque delle ottime alternative ad Adwords che non bisogna scartare a priori.

Per quanto riguarda le serp di Google gli annunci pay per click appaiono spesso in alto (con uno sfondo colorato) oppure nella parte destra della pagina dei risultati. Il meccanismo è semplice: l’inserzionista definisce il budget giornaliero e indica la cifra massima che è disposto a pagare per un click. Più numerosi saranno gli inserzionisti interessati ad ottenere visibilità per le stesse parole chiave, più si dovrà pagare per occupare le prime posizioni.

Le campagne pay-per-click possono essere ideate e messe in atto in tempi molto rapidi e consentono di ottenere risultati in tempi altrettanto brevi: per questo motivo rappresentano uno strumento ideale per campagne promozionali di prodotti o servizi caratterizzati dalla cosiddetta stagionalità. É il caso ad esempio del settore turistico nel quale spesso si ricorre a questo genere di campagne proprio per promuovere offerte last minute. Ma quali sono i segreti per realizzare una campagna pay-per-click di successo? Vediamo nel dettaglio come procedere con le campagne Adwords, evitando costi inutili ed errori imperdonabili.

  • Testo dell'annuncio: deve essere chiaro ed invitare l'utente a cliccare;
  • scelta delle parole chiave: l'annuncio e la landing page sono più efficaci se contengono le parole chiave scelte;
  • corrispondenza parole chiave: scegliere la corrispondenza esatta è fondamentale, in questo modo l'annuncio comparirà a chi cerca la combinazione esatta di parole (per esempio affitti roma) e non a chi cerca “affitti” e “roma”. In questo modo si evita di presentare gli annunci a utenti interessati a tutt'altro argomento.
  • Monitoraggio della campagna: è indispensabile controllare costantemente l'andamento della campagna e se necessario correggere il tiro.

 

 

 

 


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Come conservare correttamente gli alimenti

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Anche se molto spesso non ce ne rendiamo conto gli alimenti sono a rischio continuo di contaminazione da parte dei microrganismi. Per evitare, quindi, lo sviluppo di batteri che possono essere anche causa di rischiose tossinfezioni, è importante seguire alcune regole molto semplici. Ogni prodotto ha una propria scadenza naturale: ovviamente alcuni possono essere conservati a lungo senza particolari precauzioni mentre altri cibi, più facilmente deperibili, devono essere consumati rapidamente o comunque conservati in frigo. Per questo motivo, anche durante la fase di trasporto degli alimenti, esistono specifiche normative da rispettare: per quanto riguarda ad esempio le temperature c'è un controllo costante; inoltre, vengono utilizzati contenitori in plastica appositamente ideati per essere compatibili con gli alimenti.

Le norme igieniche

E' opportuno rispettare delle semplici norme igieniche per evitare la contaminazione dei cibi:

  • lavare le mani prima di toccare gli alimenti; dopo aver toccato le carni fresche è necessario lavare in modo accurato le mani, prima di toccare altri alimenti;
  • sciacquare gli utensili e le superfici prima usarli per alimenti diversi; mantenere i contenitori con i rifiuti distanti dal cibo che si sta preparando;
  • pulire accuratamente spugne e strofinacci; tenere separati gli alimenti crudi da quelli cotti; lavare frutta e verdura con acqua corrente abbondante

Precauzioni per l'acquisto degli alimenti

Quando si sta per acquistare un prodotto alimentare bastano poche precauzioni per scegliere gli alimenti più “sicuri”:

  • leggere l'etichetta e controllare la data di scadenza;
  • accertarsi che il prodotto non presenti alterazioni oppure odori sgradevoli;
  • controllare gli ingredienti; ridurre i tempi di trasporto dal supermercato a casa.

Congelazione degli alimenti e conservazione nel frigorifero

Bisogna ricordare infine che gli alimenti congelati hanno una durata che va da uno a sei mesi. I cibi posti nel congelatore devono essere conservati nei sacchetti di plastica appositi su quali è consigliabile applicare una etichetta con la descrizione del prodotto e la data di congelazione. Per quanto riguarda gli alimenti posti nel frigorifero se è vero che si conservano più a lungo, è anche vero devono essere consumati entro alcuni giorni. Gli alimenti riposti nel frigo deve essere sempre conservati in appositi contenitori o sacchetti tranne burro, uova e frutta che vanno inseriti negli appositi spazi.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Tutti pazzi per le carte: i migliori giochi di carte non tradizionali

by giorgia minozzi Email Condividi su Facebook:

Quando si pensa alle carte da gioco, il pensiero va subito a giochi tradizionali con il mazzo di carte francese o con uno dei mazzi regionali italiani. Vengono in mente, insomma, giochi di carte come la briscola, il tressette, il burraco, il poker, la canasta o al massimo un bridge. Ma le carte non sono soltanto le piacentine, le bolognesi o le carte da poker. Le carte sono molto di più, sono oggetti talmente affascinanti e versatili da aver attraversato indenni secoli di storia orientale ed occidentale, continuando incessantemente ad adattarsi ai tempi ed alle civiltà. Per tale motivo, di carte ne esistono a centinaia, ed in questo articolo vorremmo parlarvi di tre giochi di carte molto particolari, ognuno dotato del suo mazzo specifico: Uno, Mercante in Fiera e Magic.


Tutti per Uno, Uno per tutti

Uno è un gioco di origine USA creato nel 1973 da Merle Robins. Il mazzo di Uno è composto da 109 carte. Oltre alle carte normali, ci sono una serie di carte bonus: la carta per cambiare il colore, quella per far saltare il giro, per invertire il giro, per bloccare l'avversario o per fargli pescare delle carte. Il funzionamento di Uno è molto semplice: esso si basa sul principio “vince chi finisce tutte le carte”. Durante il giro, ogni giocatore può mettere sul tavolo la carta o con lo stesso colore o con lo stesso numero di quella a terra, mentre sarà costretto a pescare qualora non abbia nulla da scartare. Nel corso degli anni, sono stati prodotti dei mazzi in edizione speciale, oltre a versioni elettroniche o virtuali del gioco, come le recenti app per iOS o Android.

 

Magic: l'adunanza. Un gioco che diventa un mito

Il celeberrimo Magic:l'adunanza nacque negli anni Novanta dalla creatività di Richard Garfield. Il gioco consiste in una sfida a colpi di magia tra due viandanti dimensionali, ovvero due stregoni appartenenti al mondo di Magic. Gli incantesimi e le varie creature o personaggi che fanno parte del gioco sono rappresentati nelle carte di Magic. Nel corso degli anni, anche grazie alla crescita della comunità Magic nel mondo, sono state pubblicati molti mazzi di carte, con esemplari più o meno rari ed alcune carte in edizione limitata praticamente introvabili, come quelle in occasione del matrimonio o della nascita dei figli di Garfield. Anche le carte con errori di stampa, però, sono state prese di mira dai collezionisti, acquistando così un alto valore commerciale.

 

Il Mercante in Fiera

Di certo non gode della popolarità di Magic, ma il Mercante in Fiera anima ogni anno le festività natalizie di migliaia di famiglie italiane. Il Mercante in Fiera altro non è che un'asta di carte, tra le quali si nascondono carte vincenti. Il mazzo è composto a sua volta da due mazzi di 40 carte identiche ma recanti il dorso in due colori diversi, Sulle carte, possono essere rappresentati i soggetti più disparati, come in effetti è successo con edizioni speciali Disney o con quelle del grande maestro Jacovitti. Sui mazzi più diffusi, però, le figure sono di solito animali (il leone, la tigre, lo struzzo...), vegetali (ananasso, carote, fiori...), nature morte, personaggi astratti (l'infante, la mietitrice, il beduino...). La semplicità rende questo gioco di carte molto adatto alle occasioni familiari, perché sia le persone anziane che i bambini apprezzeranno e si divertiranno, soprattutto se colui che svolgerà il ruolo del mercante sarà in grado di movimentare la fase d'asta e di premiazione.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Un sito con incredibili offerte di tapis roulant!

by giorgia minozzi Email Condividi su Facebook:

Il tapis roulant è uno degli attrezzi più utilizzati per l'allenamento, perché permette di svolgere in un spazio relativamente ristretto l'allenamento aerobico più efficace: la corsa. Anche gli appassionati di camminata, di trekking e passeggiate, però, possono approfittare del "tappeto", soprattutto se è magnetico. I tapis roulant magnetici sono adatti alla camminata perché sono privi di un motore elettrico e vengono azionati dalla spinta del piede. In un tapis roulant magnetico si può scegliere sia la resistenza del nastro che l'inclinazione, e per questo motivo sarà possibile svolgere un allenamento completo e faticoso senza sforzare la colonna vertebrale o le articolazioni.

Il tapis roulant motorizzato, invece, ha un motore elettrico che aziona il nastro e che consente di svolgere anche sessioni di running.

Rispetto al tapis roulant magnetico, quello motorizzato è più costoso, anche se esistono diverse fasce di prezzo che consentono comunque di trovare prodotti con un buon rapporto qualità-prezzo. Oltre a questo, esistono anche siti che propongono dei tapis roulant in offerta con sconti e promozioni eccezionali di cui conviene approfittare subito.

 

Un sito con imperdibili offerte

Tapisroulantstore è uno dei siti più interessanti tra quelli che propongono tapis roulant. Oltre ad avere un catalogo davvero vario, con marchi prestigiosi come Kettler, NordicTrack e Weslom Tapisroulantstore si avvale di un'incredibile sezione interamente dedicata ai treadmill in offerta a prezzi scontatissimi. Prima di acquistare un tappeto, conviene fare un giro nella pagina delle offerte e verificare che non vi sia il prodotto di cui abbiamo bisogno.

 

Un e-commerce intuitivo e navigabile

Oltre alla sezione delle offerte dei tapisroulant, si può dare un'occhiata anche al resto del sito e scoprire un'offerta davvero vasta di treadmill. Il catalogo è corredato da schede di prodotto molto dettagliate, che si possono comparare tramite l'apposito pulsante "aggiungi al confronto". In  caso di dubbi o domande, poi, si può anche contattare l'operatore in chat, sempre disponibile per rispondere a eventuali quesiti da parte dei clienti. Ed è un dettaglio non da poco, perché fa sentire il negozio virtuale molto più vicino al cliente reale, mostrando poi la grande competenza alla base dell'e-commerce.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

<< 1 ... 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 ... 18 >>